Vaccini – On. Sbrollini: ” Obbligo vaccini necessario per tutelare la salute pubblica”

“Oltre 3000 i casi di morbillo registrati in Italia dall’inizio del anno. Oltre 200 solo in Veneto, solo 40 nell’Emilia Romagna. La prevenzione svolge un ruolo fondamentale. L’89% dei casi riguarda persone non vaccinate, il 6% vaccinati con una sola dose. Il 35% dei pazienti ha avuto almeno una complicanza, il 40% è stato ricoverato, il 15% è arrivato in pronto soccorso. Sono questi i dati pubblicati dal Ministero della Salute, una situazione drammatica che mette a repentaglio la Salute di tutti. Sulla salute pubblica e soprattutto sulla salute dei bambini non ci possono essere strumentalizzazioni politiche. Non si può scherzare sulla salute dei minori. Se fosse passato il referendum costituzionale, grazie al riordino delle competenze avremmo già risolto la pericolosa diversificazione dei tassi di copertura vaccinale tra regione e regione. Stiamo parlando anche di altre patologie importanti come Polio, Difterite Tetano, Pertosse, Epatite B, Hib e morbillo, che possono mettere a repentaglio la vita di ogni famiglia. Ora il decreto Lorenzin che rende obbligatori diversi vaccini per i nuovi nati appare l’unica strategia efficace per prevenire il rischio di epidemie più gravi di quelle che si sono verificate. Le vaccinazioni oltre ad essere anche un’importante investimento preventivo in termini di salute sono un efficace investimento di contenimento della spesa pubblica sanitaria, con rapporto di quasi 1 a 25. Sono risorse che possono essere investite non solo per curare soggetti malati ma anche per un’ulteriore progresso della medicina ed un miglioramento nell’erogazione dei servizi pubblici offerti. La politica ed il Parlamento devono proseguire in quest’azione fondamentale per la tutela della salute pubblica e per impedire che teorie prive di fondamento scientifico mettano in crisi l’intero sistema sociosanitario del Paese. Dobbiamo lavorare nella stessa direzione insieme ai dei pediatri e ai genitori, per una corretta informazione delle giovani coppie e dell’opinione pubblica”

Share This Post