VACCINI – CONSULTA RESPINGE RICORSO VENETO – “Sconfitta la linea politica di Zaia! Non si scherza sulla salute dei cittadini!”

Comunicato dell’On. Daniela Sbrollini, Vicepresidente della XII Commissione Affari Sociali e Sanità, insieme a tutti i colleghi deputati veneti del PD. 

21 /11/2017

Quest’oggi si è espressa la Consulta in seguito alla richiesta della Regione Veneto che aveva impugnato di fronte alla Corte Costituzionale, con due distinti ricorsi, le disposizioni in materia di prevenzione vaccinale introdotte dal decreto Lorenzin. (DL 7 giugno 2017, n. 73)
La Consulta ha dichiarato non fondate tutte le questioni prospettate nei ricorsi della Regione Veneto sull’obbligo dei vaccini., così lo Stato ha compiuto fino in fondo la sua funzione e la Consulta si è espressa nella piena garanzia della Costituzione legittimando pienamente Parlamento e Governo nel loro operato in materia di prevenzione e intervento sanitario. La sentenza ha evidenziato inoltre che l’intervento legislativo si giustifica alla luce del contesto attuale caratterizzato da un progressivo calo delle coperture vaccinali.
Con questa decisione decadono quindi le richieste poste dalla Regione Veneto, in particolare tutti i dubbi sui presupposti di straordinaria necessità e urgenza del decreto, così come la lesione del diritto individuale alla salute e scontro sulla legittimità dell’intervento dello Stato per l’obbligatorietà e la gratuità di determinate vaccinazioni per i minori.
La vaccinazione è un interesse di sanità pubblica: in Veneto le percentuali di copertura vaccinale sono nettamente al di sotto del livello di sicurezza, e la cosiddetta ‘immunità di gregge’ non è garantita. E’ un problema urgente di cui prima di tutto la Regione dovrebbe immediatamente occuparsi.
A livello nazionale 4800 sono solamente i casi di morbillo segnalati dall’inizio dell’anno, alcuni di questi sono stati mortali. Il decreto approvato tutela i cittadini anche da altre patologie importanti come Polio, Difterite Tetano, Pertosse, Epatite B, Hib, che possono mettere a repentaglio la vita di ogni famiglia. L’obbligo vaccinale per i minori è l’unica strategia efficace per prevenire il rischio di epidemie più gravi di quelle che si sono verificate. Le vaccinazioni oltre ad essere anche un’importante investimento preventivo in termini di salute sono un efficace investimento di contenimento della spesa pubblica sanitaria, con rapporto di quasi 1 a 25. Sono risorse che possono essere investite non solo per curare soggetti malati ma anche per un’ulteriore progresso della medicina ed un miglioramento nell’erogazione e nella sostenibilità dei servizi pubblici offerti.
La tutela della salute e la prevenzione delle patologie devono essere una priorità per le istituzioni pubbliche e sulla pelle dei cittadini, ancor più su quella dei bambini, non è ammissibile che conducano campagne elettorali populiste e prive di alcun fondamento scientifico.

On. Daniela Sbrollini
Camani
Casellato
Crimì
Crivellari
Dal Moro
D’Arienzo
DeMenech
Ginato
Martella
Miotto
Moretto
Naccarato
Narduolo
Rostellato
Rotta
Rubinato
Zan
Zardini

Share This Post