Scuola – nel vicentino mancano 100 insegnanti. Scatta l’Interrogazione a firma Rubinato – Sbrollini

” Il personale docente delle scuole statali del Veneto è stato pesantemente penalizzato dalla manovra di contenimento della spesa pubblica avviata nell’a.s. 2008/2009 dai Ministri Tremonti-Gelmini.

Il depauperamento dell’organico delle scuole pubbliche è stato più penalizzante per le realtà virtuose che per le realtà in difficoltà perché si è preso a riferimento il criterio della “spesa storica” mai contemplato in nessuna legge ma purtroppo efficace nel “tagliare” in poco tempo risorse al territorio.

In particolare per nel panorama scolastico vicentino si riscontra un deficit di 97 insegnanti senza considerare gli insegnamenti del liceo musicale e coreutico che prevedono diversi tipi di classi di concorso.
Negli ultimi 5 anni in Veneto nonostante un aumento di +29.770 alunni è risultata una netta dimunizione di posti per gli insegnanti : -4.221. Questa situazione sta diventando sempre più insopportabile e si rischia di non poter garantire il diritto all’ istruzione per tutti.

Nonostante questi numeri così netti e drammatici è stato applicato al Veneto in organico di diritto 2016/2017 un’ulteriore riduzione di 92 posti rispetto all’organico di diritto 2015/2016.La richiesta di “organico di fatto”, e cioè l’organico necessario a garantire le esigenze generali di funzionamento del servizio scolastico e il diritto all’ istruzione in maniera gratuita ed universale , per l’a.s. 2016/2017 ammonta a 48.530 posti che superano quelli dell’organico di diritto per l’a.s. 2016/2017 di 3.013 posti. L’adeguamento appare necessario per evitare i pesanti disagi sociali e le proteste delle famiglie, dei sindaci e delle associazioni, che potrebbero generarsi e per rispettare completamente i diritti dei lavoratori e i limiti posti per il sovraffollamento delle classi.

Con l’interrogazione al Ministro Giannini chiediamo come e quando il Governo intende agire per riequilibrare i posti del personale docente del Veneto alla luce della pesante penalizzazione derivata dal sistema scolastico Veneto.”

Share This Post