Vaccini – On. Sbrollini : “Vaccinate i bambini, altrimenti sarà in pericolo la salute pubblica”

“Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin in questa settimana proprio su richiesta della mia Commissione Affari Sociali e Sanità è stata audita in Parlamento. Per le prestazioni dei nuovi Livelli Essenziali di Assistenza già nel 2016 sono stati aggiunti al fondo sanitario nazionale 800 milioni di euro, di questi circa 134 milioni di euro sono stanziati per il piano nazionale dei vaccini come indicato anche nell’ accordo della conferenza stato regioni. Di fronte però a quello che sta accadendo in Italia non posso che ritenermi preoccupata, in particolare nel Veneto molti importanti vaccini non sono obbligatori. Siamo al di sotto della soglia critica per un allarme nella salute pubblica, serve un’inversione di tendenza prima che sia troppo tardi. C’è seriamente il rischio di un contagio diffuso tra i bambini.

Sono da sempre una sostenitrice dei vaccini, mi preoccupa quindi molto la situazione veneta con  le sue particolari regole, troppo permissive. Questa situazione è preoccupante perché si unisce ad una controinformazione che arriva soprattutto dalla rete.
Ad oggi non esistono riscontri scientifici rilevanti da ritenere i vaccini dannosi per i bambini, in primo luogo per la sicurezza del bambino stesso e poi per tutto l’ambiente in cui vive e per tutte le persone con cui il bambino entra a contatto, dagli asili, in famiglia e in tutti i luoghi di aggregazione. Si rischia concretamente di generare dei pericolosi focolai di patologie superate da tempo, con rischi enormi per la salute pubblica.

Anche per questi motivi, dopo tanti anni, insieme all’aggiornamento dei LEA è stato voluto il nuovo piano nazionale sui vaccini 2016-2018. Manca un’informazione corretta, alle giovani coppie servono valide campagne radio, tv , internet di informazione per una profilassi corretta. Affidarsi ad informazioni false, o siti web gestiti da falsi “guru” della pseudoscienza è da irresponsabili, così facendo molti giovani genitori mettono a rischio la propria salute, quella dei propri figli e la salute di tutti.

L’unica accortezza che bisogna considerare sui è quella di somministrarli solamente quando il bambino è in perfetta salute così da non diminuire l’efficacia evitando contemporaneamente possibili complicazioni.”

Share This Post