Vicenza riceve al CONI il titolo di Città Europea dello Sport

Vicenza premiata Città Europea dello Sport, a Roma la delegazione ha partecipato alla Cerimonia di consegna delle Benemerenze dello Sport europeo alla presenza del Presidente del Coni Giovanni Malagò, del Presidente ANCI Antonio Decaro e del Presidente ACES Europe-MSP Italia Gian Francesco Lupattelli.
Tutti i comuni italiani che hanno ottenuto il riconoscimento per il 2017 saranno presenti anche al Gran Gala al Parlamento Europeo di Bruxelles il prossimo 16 novembre alle ore 17.30.

La numerosa delegazione vicentina era composta dal Sindaco di Vicenza Achille Variati, dall’Assessore alla Formazione Umberto Nicolai, dall’On. Daniela Sbrollini responsabile nazionale Sport e Welfare e ideatrice del progetto, Giacomo Bez coordinatore del Comitato organizzatore,Giueppe Falco per il CONI Vicenza, Diego Fontana per l’ufficio sport, Fabio Poli, Marco Borin, Laura Anni, Paola Ambrosetti, Paolo Bedin.

“Vicenza è Città Europea dello Sport 2017. Grande soddisfazione per un titolo che appartiene a tutta la città, e che l’anno prossimo consentirà a Vicenza di vivere un grande anno di sport, di eventi, di cultura. Aces Europa da molti anni è in prima linea per la diffusione dello sport e della cultura del movimento in tutta l’unione europea, il suo impegno è particolarmente significativo in Italia. Aces Europe è tra le migliori realtà che operano nella piena consapevolezza che lo sport è un grande fattore di integrazione nella società, consentendo il miglioramento della qualità della vita e la salute di tutti i cittadini. E’ anche attraverso l’impegno e l’entusiasmo di organizzazioni di questo tipo che ora in Parlamento sono diverse le proposte di legge per il miglioramento e la crescita di questo straordinario settore.
Voglio ringraziare il Presidente del Coni Giovanni Malagò per averci ospitato a Roma a celebrare un’occasione così importante, in questo quadriennio olimpico è riuscito a trasmettere entusiasmo, risultati e riforme importanti per lo sport italiano.

Sono orgogliosa per la mia città, Vicenza, che è e vuole sempre più essere esempio nelle buone pratiche per l’organizzazione di spazi e servizi per lo sport. Il titolo di Città Europea dello sport è il risultato dell’impegno quotidiano di moltissime persone con moltissime realtà sportive competenti, lungimiranti e legate al territorio vicentino. Si è saputo in questi anni collaborare virtuosamente con l’amministrazione comunale che nello sport e nell’impiantistica sportiva ha investito tanto. Ora vogliamo fare di più: vogliamo mettere a sistema le nostre eccellenze, per essere sempre più un riferimento sportivo in Italia. Vogliamo fortemente migliorare ancora perché lo sport all’interno delle aree urbane è fondamentale, in una società sempre più complessa può essere uno strumento eccezionale perché parla un linguaggio universale ed è capace di creare educazione, cultura sportiva, migliorare la qualità della vita costituendo anche una grande occasione di crescita economica, occupazione e turismo.
Il futuro della nostra città passa anche per come sapremo realizzare i progetti e per come sapremo capitalizzare questo bellissimo titolo europeo. Vicenza Città Europea dello Sport è un’opportunità per tutta la comunità vicentina, una comunità che ha lo sport nel proprio DNA e dove è presente un tessuto imprenditoriale, associativo e sportivo che ha tutte le carte in regola per essere esempio in Europa dello sviluppo di politiche sportive positive per i cittadini.”

On. Daniela Sbrollini

Share This Post