Comunicato Sbrollini su Miteni

La senatrice Sbrollini sul fallimento Miteni: “Era lo scenario che temevamo. I problemi ambientali lasciati sulla pelle e sulle tasche dei cittadini e i dipendenti senza lavoro”.

“La scelta della proprietà della MIteni – ha detto la Senatrice Daniela Sbrollini – per noi è lo scenario peggiore possibile. Quello che temevamo. E’ la conferma della volontà da parte di Miteni di non assumersi le proprie responsabilità riguardo alla bonifica e poca volontà di investire in un sito che aveva bisogno di importanti migliorie per garantire lavoratori e cittadini. Ora si aggiunge la mancanza di riconoscenza nei confronti dei lavoratori, rimasti sempre schiacciati in mezzo tra le esigenze dell’azienda e le azioni di protesta di chi è giustamente preoccupato per tutto ciò che è successo negli anni e che non accetta che si continui a produrre senza le necessarie garanzie.

Miteni presenta istanza di fallimento e ci lascia un territorio altamente inquinato e con un alto rischio per la salute dei cittadini che lo abitano. Ora la Regione non può tacere né restare inerte. Il tavolo di crisi che deve immediatamente essere aperto deve chiarire come e chi si impegnerà a bonificare l’esistente sito e le falde inquinate nel passato. Se la Regione ha le certezze sulle responsabilità del passato ora deve metterle sul tavolo. Non è giusto che i cittadini paghino due volte. Con la salute e con il portafoglio. E i dipendenti non possono pagare anche per la terza volta con la perdita del posto di lavoro.”

La Senatrice conclude: “Quanto alla Miteni, pur comprendendo tutte le difficoltà, ci saremmo aspettato un comportamento più responsabile rispetto a quello che sembra ora: una fuga annunciata”

Share This Post